giovedì 1 aprile 2010

hip hop, la musica dove ci si mette la faccia

mi hanno detto "si ma stai diventando troppo romantica cosa sono sti colorini qui"
e ci avevano raggione torniamo alle cose crude della vita, in questo caso alle cose crude e accattivanti che sono i visi dei personaggi dell'hip hop.
ancora parliamo di negri?
si.
i volti dell'hip hop per contratto sono volti trucidi, ci piacciono i tagli, ci piacciono gli occhiali scuri ma devono comunque essere accattivanti devono invogliare a essere guardati ad essere ammirati, temuti ,rispettati ma pur sempre guardati.
nell'hip hop la gestualità del corpo è fondamentale arriva dai passi di danza dalle braccia larghe che indicano -hey ce l'hai con me- al -guarda questo è quello che ciò e tu no- la spalla morbida che continua a scivolare le mani che sculacciano che impugnano che sparano, le dita che indicano e ovviamente il viso!
gli occhi seducenti anche nelle peggio rime o coperti dagli occhialoni, le citatrici che fanno molto ghetto tutto deve mostrare da dove sei venuto ma soprattutto cosa sei diventato.
ed eccoli spuntare i Gangsta Grillz apparecchi dorati e costosissimi tipici dei rapper.
la moda dei Gangsta Grillz esiste da una ventina d'anni ma solo nell'ultimo decennio da quando il rapper non è più rincorso dalla polizia ma imprenditore raffinato, nuovo aristocratico, che questo costoso apparecchio ha toccato picchi di enorme fama e bellezza.






















Nessun commento:

Posta un commento