mercoledì 29 settembre 2010

Promemoria 5#

Livello medio della conoscenza della lingua inglese:


"aspetta come si dice martedì in inglese?"

"eh? aspè....tuesday o thursday?"

"no dai sono confusa..."

"io ho un metodo infallibile.... sunday monday HAPPY DAYS...tuesday wednesday HAPPY DAYS thursday friday....."

"cazzo sei un genio."

"Fonzie avrebbe apprezzato alla grande."

"Hey."


domenica 26 settembre 2010

Arancione, A come atrocità

Anche se a nessuno è saltato in mente di invitarmi alla propria sfilata QUANDO CI SONO ANDATI CANI E PORCI io avrei qualcosa da dire alle fashion victim o più semplicemente a quelle ragazze con buon senso:

A quanto pare l' ARANCIONE sarà uno dei colori di punta dell'estate 2011, ora, siamo in poche lo so, me ne rendo conto, è stato difficile MA SE ABBIAMO RESISTITO AGLI ZOCCOLI POSSIAMO RESISTERE ANCHE A QUESTO.

L'arancione è il tipico colore infimo e bastardo.
Ha la faccia come il culo l'arancione perchè te lo rifilano come un colore solare e di solare non ha nulla.
Innanzitutto è il colore degli schizzati , lo indossano solo i carcerati, i pazzi e ovviamente le brasiliane perchè sono un popolo di stronze a cui sta bene tutto per colpa della loro pelle ambrata barra miele barra cioccolato.


Sportmax


Prada


philosophy Alberta Ferretti


Versace


Marni


La verità è che vedendoli così in passerella l'arancione mi sta anche simpatico eh, potrei fare la pazzia di approvarne un pezzettino nel mio armadio e probabilmente lo farò però poi cerco ancora e mi esce....


La foto segnaletica di Lindsay Lohan ed è li che capisco che lo indossa solo perchè è strafatta e obbligata a metterlo sennò col cavolo che la vedi in arancione!

mercoledì 22 settembre 2010

L'omertà s'impara da piccoli, le parolacce pure.

Una volta all'asilo ho detto "mizzeca" durante un discorso molto impegnato con un'altra bambina.
Questa stronza è andata dalla maestra a dire che avevo detto "mizzeca" e quell'altra stronza della maestra mi ha sgridato e non solo, la parte più umiliante è stata quando non ha fatto ascoltare la cassetta che avevo portato all'asilo.
la cassetta era tipo la colonna sonora di "Stanlio&Ollio", non chiedetemi perchè.
Ogni tanto ci penso a quel momento e ancora oggi divento rossa dalla rabbia e dalla vergogna.
Un'umiliazione così grande non dovrebbe provarla nessuno specialmente io da piccola che ero Heidi in versione "Sex and the City" con il mio grembiulino rosa diverso ogni giorno e gli accessori in pizzo vittoriano che in confronto i colletti di Miu Miu sono una merdosissima imitazione per poveri.
Quello che mi fa incazzare ancora oggi è non aver preso posizione, non aver detto niente.
Intanto non ricordo chi era la stronza, la bambina che è andata a dire che avevo detto "mizzeca" ma la vera stupida sono io, avrei dovuto arrivarci prima si.
Si perchè la stronza, con probabile padre terrone siciliano, sapeva davvero cosa significasse "mizzeca" e nella sua testa da stronza ha pensato "ok ha detto mizzeca che a casa mia si dice poco perchè diciamo minchia che suona decisamente più potente-quindi ha detto minchia devo subito dirlo alla maestra che penserà che sono una gran figa perchè so cosa vogliono dire ste parole"
Invece, mia cara puttana, dalla maestra ci dovevo andare io e dirle -questa puttana sa che mizzeca significa minchia e io pensavo che fosse un'esortazione festiva tipo "oplà!" quindi quella da mettere in castigo non sono io ma lei chè è volgare, mi scusi ha visto che colletto ho io?-
Se non ricordo chi fosse la stronza è perchè probabilmente non valeva niente e neanche adesso, se eri di Taccona sarai finita al Quadrato a fumare sigarette di pessima qualità come le Merit, mentre pomici pesantemente con un tamarro con la tuta dell'Australian.
Belli loro.
Dovevo dirlo alla maestra che tra l' altro, anche questa stronza, sei solo una supplente (la vera maestra era sempre incinta tipo) pensi davvero di potermi trattare così?
Era bella la mia supplente per questo non le avevo detto niente era molto alta con i capelli lunghi e anche con il grembiule bianco stava molto bene.
Però sei stronza!
Perchè non ho detto niente?
Perchè non ho combattuto per vedere la mia cassetta infilata nel mangiacassette ad allietare così il mio pomeriggio?
Perchè da li ho abbassato la testa e ho sempre detto "ok chissenefrega" cosa volevo davvero evitare?
Di finire anch' io al Quadrato con i pantaloni della Onyx la coda alta e un tipo senza denti che mi toccheggia davanti agli amici?
Probabile.
E comunque mia mamma al quadrato col cazzo mi ci mandava!
Li a vedere voi che vi limonavate come bulldog sbavanti, con le vostre sigarette accese e non aspirate, con i vostri brutti vestiti, con la puzza di sudore, le ragazze truccate sulle panchine a ridere e i ragazzi a giocare a calcio.
La storia del mizzeca è stato l'inizio di tutto.
Il Quadrato la continuazione.
Eravamo li vicino nella casa del nemico, con le nostre biciclette da dodicenni, con i nostri visetti puliti ed innocenti quando hanno iniziato a prenderci di mira
"perchè non avete il cellulare"
"eeee...non ci serve..."
"ma come non vi serve ma che sfigate siete?????"
"eeeee....ma noi ci chiamiamo a casa"
"ma come a casaaaaa! ahahahaha ma non avete tanti amici come noi? almeno 60 numeri nel cellulare?"
"ma non ce l'abbiamo il cellulare...ma non ci serve"
Ma non ci serviva no cristo! eravamo dodicenni le nostre famiglie avevano il recapito telefonico perchè la pagavamo la bolletta, Noi.
I numeri di noi amichette li sapevamo a memoria cosa mi serviva il cellulare?
Un anno di prese in giro di risate e anche li, perchè l' abbiamo permesso?
Perchè noi eravamo bambine e loro ragazzine?
Mi interessava davvero cosa pensavano di me? Era quello il punto? Volevo diventare loro amica?
No.
E comunque mia mamma di diventare amica vostra col cazzo che me lo avrebbe permesso!
E' colpa vostra ed è colpa mia.
E' colpa vostra perchè eravate ignoranti, grezzi, mezzi adulti mezzi adolescenti, avvantaggiati dal giocare in casa, sbruffoni e violenti.
E' colpa mia perchè io dalla maestra a difendermi non ci sono mica andata...
E ancora oggi non ci vado, mizzeca!
(ma ogni tanto dovrei.)



(dedicato alla mia amica Francesca che mi sprona ad essere più cattiva)

giovedì 16 settembre 2010

"non ci piacciono i tuoi lavori alla NABA preferiamo gli elastici per i capelli con i Gormiti" "ah...capisco."

Alcuni miei disegni sul magggico mondo della moda che non mi ci vuole ddentro ddentro:



se non disegni il colletto di MIU MIU sei out

se la tua ICON non è KATE MOSS allora sei solo un'obesa
dolcissimo Miss Dior cherie

"perchè esistono trucchi che non siano Chanel?" (no, infatti.)
questa estate senza lo smalto Chanel Particuliere non eri nessuno, grazie a Dio non sono una fashion blogger!
I miei genitori mi hanno detto "o la costosissima NAba o la fashion blogger"
Ho sbagliato tutto.
vabbè più iconico di così
vabbè più iconico di così II
La Birkin di Hermes non vi spiego la storia perchè è noiosamente inverosimile
esistono due versioni:
PRIMA VERSIONE
"sa signor Hermes nelle borse non riesco mai a mettere dentro tutte le cose che mi servono sa noi attrici da jet set"
"oooo signora jane birkin ho in mente io una borsa per lei"
"granvdioso cavo!"
SECONDA VERSIONE
"bella sta borsa, corri Serge scappiamo che questi bastardi me la vogliono far pagare, corri cazzo!!!"
la seconda è la mia preferita.


le Armadillo di Alexander Mcqueen
Ha fatto soffrire un intera generazione di modelle è l'ha pagata cara.
No dai guardate che dispiace anche a me che sia morto.
sua altezza imperiale la babbuina Anna Wintour.
Datti una regolata che ho visto delle tue foto da studente che se fossi stata in classe con me ti avremmo chiuso nell'ascensore con la suora della biblioteca per giorni.


sofi...

sara....


francesca&francesca