sabato 23 luglio 2011

Festivalbar è tornato, Il Cantanovanta vol.1 è il cocktail della vostra estate

Estate,
ci siamo così dentro che ormai è finita.
Ancora devo prendere il primo aereo della stagione che già sento la malinconia di una fine estate, ancora tutta da vivere.
Soffro della sindrome del "Sabato del villaggio", me ne rendo conto, quello storpio di Leopardi ci ha rovinati un poco a tutti e ora, saranno le temperature basse, sento già che il bello è passato.
Aspetto con ansia il sacro momento settembrino di quando inserirò il cd "COLONNA SONORA ESTATE 2011"
La creazione di una playlist, lo sanno tutti, non è di certo facile, lo sappiamo dai tempi di "Altà Fedeltà", bisogna calibrare bene atmosfere, gusti e stili diversi.
E' un bel gioco.
Ora io, non per vantarmi, ma faccio dei cd bellissimi.
Magari non è d'accordo chi sale in macchina nel "giorno NO", in cui ascolto solo Joy Division, o nella giornata "sono donna e ne vado fiera", giornata che passa tra una canzone di Erykah Badu, una delle Destiny's Child e Alanis Morisette.
Va bene, può capitare, ma in generale me la cavo piuttosto bene.
Ogni periodo, ogni stagione ha la sua compilation, per una ragazza come me, cresciuta a telefilm del pomeriggio su Italia1, la vita ha bisogno di una colonna sonora per poter accompagnare al meglio i miei discorsi e i miei sguardi pieni di significato.
Quando arriva l'estate do il meglio di me, perchè non ha senso girare in macchina senza mitiche canzoni come "Baby" di Corona o "Boys boys boys" della Salerno o "Up down" di Billy More (pace all'anima sua).
L'estate è revival: è revival di costumi ancora pieni di sabbia, di amori che ti aspettano ancora lì sul marciapiede, della protezione solare a metà tubetto dell'estate prima e di canzoni.
Non esiste un falò senza l'amico con la chitarra, io con il mio ci ho litigato, non ci parliamo più e ci sediamo in tavolini diversi al bar della spiaggia.
Spesso mi manca, gli avevo anche pagato la prima tessera ARCI allo stronzo, ma c'è da dire che con la chitarra non era un granchè e più volte litigavamo sulla canzoni da fare.
Ogni tanto ci manchi, ma si va avanti.
Quindi come fare? 
Come si fa ad andare contro ad intere generazioni figlie di falò accompagnati dai ritornelli di Battisti?



Tre estati fa gli Ex-Otago ci regalarono una versione tutta nuova di una della canzoni estive più famose degli anni '90 "The rhythm of the night"





La discoteca non esiste più, ormai anche il tamarro muscoloso della spiaggia, che mieteva vittime grazie ai suoi deltoidi e al Booster truccato, si è sposato.
Rimaniamo noi, orfani degli anni '90 e dei ricordi degli altri.
Così, mentre il mio vicino pompa MOLELLA come se non ci fosse un domani, Garrincha Dischi ha pensato bene di regalarci un altro pezzo di anni '90, un pezzo nostro, perchè rivisitato da artisti nostri, di ora.
Il Cantanovanta Vol.1 è la dimostrazione che i nostri ricordi non andranno perduti, ma modificati dal tempo, che al diavolo le cover dei Delta V, al diavolo tu che insulti i miei cd della Panda, al diavolo questa radio che non regala più nulla di buono, al diavolo tutto mi rimangono ancora le sensazioni estive e quelle non andranno mai via.




Ed è così che i Camillas con i Chewingum trasformano "Vamos a Bailar" di Paola&Chiara riducendo al minimo i fasti latineggianti e rendendola una track perfetta per aperitivi eleganti, con voci lontane che le Warpaint non avrebbero fatto di meglio.
Ed è così che la gioia romagnola degli Jang Senato e la erre moscia del suo cantante mi trsformano "Vattene amore" in una bossanova brasiliana di quelle che ti sfanno sbandare quando vai in bicicletta sul lungomare.
I timidi e giovanissimi L'Orso rendono ancora più innamorata "Serenata Rap, una canzone che, fidatevi, ancora oggi fa sciogliere orde di ragazze, anche se Lorenzo non ha più la zeppola e parla di politica.
C'è una elegantissima "Barbie Girl" rifatta dai LE-LI,  33 Ore trasforma "Scatman's world" alla Bob Dylan che l'impossibile realtà di certo non ci avrebbe dato.


Se l'estate si sciogliesse per colpa del suo stesso caldo e tornasse in forma solida sotto forma di un cd sarebbe questo, sarebbe il Cantanovanta.
Metto tutto sull'ipod e aspetto trepidante il secondo volume che vedrà la luce a fine agosto, dove verrà ridata vita a canzoni come "Fiky fiky"di Drudi, "Wannabe" delle Spice Girls, "Believe" di Cher e tante altre.
Non vedo l'ora di arrivare a fine estate, scaricarla e sospirare sui ricordi di quello che ho combinato in questa estate, ancora tutta qua.


Questa è la tracklist del Vol.1

1990 Vattene Amore (Mietta e Amedeo Minghi) : Jang Senato
1991 Attenti al lupo (Lucio Dalla) : Dimartino
1992 Hanno ucciso l’uomo ragno (883) : Jocelyn Pulsar
Rythm is a dancer (Snap!) : Oratio
1993 All that she wants (Ace of Base) : the Hunzikers
1994 Serenata rap (jovanotti) : L’orso
1995 Scatman’s world (Scatman John) : 33 ore
1996 Freed from desire (gala) : Ofeliadorme vs. 4fioriperzoe
1997 Barbie girl (Aqua) : LE-LI
1998 Vento d’estate (Niccolò Fabi e Max Gazzé) : Musica per bambini
1999 50 special (luna pop) : nel dubbio
2000 Vamos a bailar (Paola e Chiara) : i Camillas vs. i Chewingum


Non fate gli stupidi, andate tutti QUI e scaricate i vostri ricordi targati anni '90 per poterne vivere altri.

1 commento: