lunedì 28 febbraio 2011

Chistopher Kane ovvero come scegliere i propri mentori in maniera errata.

Il tour della Fashion Week mondiale non è ancora finito ma io ho deciso che alzo le mani e qui mi fermo.
Mi ritiro, ormai prendo la laurea e tutto e va bene ma l'anno prossimo mi trasferisco in montagna a zappare la terra e fare la marmellata delle prugne del nostro terreno.
Questo perchè esistono persone come Christopher Kane, gente che ha meno di 30 anni e presenta collezioni come questa:



Grazie Christopher mi fai sentire come la peggio ignorante, la designer con meno fantasia del mondo, mi fai sentire incapace, senza soldi, mi fai ricordare che anche io devo stampare dei tessuti ma nessuno mi finanzierà quindi verrà fuori una collezione casalinga bellissima!
Grazie Christopher che mi fai impazzire perchè hai aggiunto ai tuoi abiti IL PVC CON L'ACQUA COLORATA.
Grazie Christopher che non contento hai voluto sfilare anche a Milano con la collezione Versus di Versace grazie.



Una collezione pazzesca dove te ne fotti dei colori che tornano tutti insieme, dei viola con i rossi, del verde petrolio con l'arancione.
Fanculo il Color blocking!
Te ne fotti alla grande e mi fai vedere ste cose qui, la pelle nera, i giochi di aperture e I GLITTER DIO MIO VOGLIO URLARLO AL MONDO, I GLITTER GIOMETRICI!
I GLITTER RACCHIUSI IN TRIANGOLI PAZZI, TRIANGOLI DI GLITTER!
No scusate le urla, scusatemi.



Si il tuo mentore è Donatella Versace, che sarà anche una finta bionda con alle spalle tante imitazioni e una figlia anoressica, ma è pur sempre Donatella Versace.
Quanti momenti passati a sognare di essere la figlia anoressica, quanti!
Il tuo mentore è Donatella Versace.
A me rimane Pino Scotto.


Pino fare la foto con te è stato uno dei momenti più belli della mia vita.
No, un momento mi voglio rovinare.
Oltre al grande Pino Scotto la mia altra grande icona è la contessa De Blanck che fece della sua apparizione all' "Isola dei famosi" la mia unica ragione di seguirlo.


Vorrei ricordarla nella celebre storia d'amore con Carlo Capponi, l'uomo che soffriva di "bulimia di banane"


Essì, ero giovane ma già molto famosa che vi devo dire?
Certo pensavo che andando di questo passo sarei arrivata anche io a conoscere Donatella....
Che senso ha progettare una propria collezione quando ci sono talenti del genere?
Pino, signora De Blanck io vi invoco pregate per me!

lunedì 21 febbraio 2011

La moda passa il blog rimane, scusarsi con otto video e una scusa

Scusami blog ti sto calcolando poco ma devi capire che lo faccio per noi due!
Massì! ti dico che non c'è nessuno!
Mannò con VITAMINIC è solo lavoro!
Massì ti devi fidare oh siamo in tanti non è che poi rimaniamo io e Mr. Vitaminic in redazione e bombiamo pesante sulla scrivania...
Ma come sto sorridendo all'idea? Ma scherzo era una battuta blog UNA BATTUTA!
Lo sto facendo per noi, è un corso di formazione di certo migliore della NABA amore mio, tu sei il primo vero amore.
MA LO SO CHE NEL TUO TITOLO DICO DI NON CREDERE ALL'AMORE MA COSA CENTRA è FINZIONE LETTERARIA FIN-ZIO-NE!
MA COSA CENTRA I CD I LI ASCOLTO IN CASA!
Dovevo dei chiarimenti al blog scusate, se li merita siamo a quasi un anno di relazione ormai e io sono proprio come cantava la falsa voce di WillY il Principe di Bel Air:
SONO PROPRIO UN BEL TIPINO, TUTTA UNA PEPERINO, SONO BELLA DOLCE BRUNA E CON GLI OCCHI DA PANTERA.


Eeee lo so Willy, siamo rimaste in poche così esageratamente speciali.
Ma cerchiamo di riassumere questa mia transumanza da un sito all'altro, dalla presenza all'assenza, dalla vita alla morte.
Questa settimana sono stata molto impegnata, si anche per colpa degli esami ma soprattutto per colpa di Sanremo.
Sanremo ha reso le mie sere memorabili e divertentissime grazie a tutta la gente che lo commenta su twitter in particolare il gruppo Sanremo è Sanremo.
E' stato bellissimo.
Un simpatico ringraziamento va alla Canalis che è stata sempre molti divertente, grazie Eli, grazie Sardegna, grazie acconciatore della Canalis, grazie cocaina.
Belen ha vinto era ovviamente la più figa e dato che non le bastava ha voluto anche cantare con il padre così tutti gli italiani emigrati in Argentina e gli argentini emigrati in Italia hanno pianto.
Toccante.
Settimana scorsa è stato San Valentino e io l'ho fottuto alla grande andando a sentire il concerto de La Sera al Rocket.
La Sera è il gruppo della rossa delle Vivian Girl che mette da parte il garage-surf della band originaria e si butta dolcemente in melodie eteree e sognanti che fanno più primavera dei quadri di Monet.


Il live è stato molto carino, molto sanvalentiano se non fosse che:
a) l'audio della voce faceva pena "Eddaje alzalo! fonico alzalooooo!"
b) al Rocket ci sono gli stessi indie da anni, bentornato 2007 mi eri mancato!
Un bel tuffo nel passato, letteralmente.

Oggi Paris Hilton compie 30 anni.
Paris è il caso di fare un nuovo album direi.
E' davvero il caso, mi manchi tantissimo.
Con le tue canzoni hai ridato speranza a milioni di americani obesi e brufolosi, hai fatto rivivere la maggia dei film d'inizio secolo ambientati nella High School, è una genio.


Ultimamente sto cercando di guardare molti video di moda (EEE CHE FATICA ELENA EEEE?) per farmi un'idea di come vorrei fare il mio per la mia collezione
SI SIGNORI MI HA CHIAMATO LA PHARD E MI HANNO PROPOSTO DI CREARE UNA MIA COLLEZIONE ISPIRATA ALLE BIG BUBBLE!
No, ovviamente non è vero però come idea sai che non è male?
Per ora quelle che si avvicinano al tipo di video che vorrei sono:

Vabbè Proenza, voglio morire.
L'effetto vintage-prima sigla di Beautiful- e la musica?



Missoni non mi è mai piaciuto molto ma il video?
Se tagliamo le parti con i bambini inutilmente dolci?
Le frange che si muovono? le intermittenze?


Gareth Pugh, se ciao.
La cosa stupenda dei suoi video è che i vestiti poi, non te li caghi neanche così tanto, è l'insieme che è da infarto.

Elle Fanning per Rodarte
I colori, gli spazi e la musica?
e lei?

Insomma i video di moda sono delle operette mica male eh?
Io per ora non ho nemmeno scelto i tessuti quindi al diavolo la collezione, quanto è maggggica la moda?

L'ultimo video rubato dal blog amico La Belle Epop riguarda il nuovo album dei Radiohead "The King of Limbs"
Sì, recentemente c'è stato dell'isterismo su tutti i social e tutti hanno dato di matto, hanno scaricato, volato, prenotato il nuovo album dei Radiohead ma l'unica cosa che davvero ci dovrebbe interessare è Thom York che balla nel nuovo video "Lotus Flower".
Ma l'unica versione che ci dovrebbe interessare di Thom York che balla è questa:


La pazzità proprio, la pazzità.

domenica 13 febbraio 2011

La storia del dolorosissimo concerto di Iron and Wine a Bologna


Era da tempo che ci preparavamo per il
concertone di Iron and Wine a Bologna.
Sì, ci siamo preparate.
No
chissenefrega del disco nuovo.
Il disco nuovo non è neanche così bello,
.
Io dico la
preparazione del viaggio:
Albergo prenotato, biglietti comprati,
tesseramento ACSI prenotata, treni prenotati, outfit pronti, rullini vari pronti, possibile identikit di scopata facile pronto anche quello.
Insomma siamo delle ragazze molto organizzate.
Sono tornata da Bologna un'ora fa e quello che ricordo è solo una parola:
PIEDI.
Mannò! Non per Iron and Wine, a lui ci arriviamo dopo dajè.
Piedi, dolori atroci ai piedi, piedi che pulsano, piedi che urlano, piedi piedi piedi piedi piedi.
Arrivate a Bologna decidiamo che siamo così fighe che possiamo benissimo farci a piedi quella "
mezzoretta" che separa la stazione dal nostro alloggio in via degli Usberti.
Bella roba, sabato pomeriggio, strada principale, bambini, innamorati, stranieri,
kebabbari, robbosi con i cani, sosia di Guccini a caso e il caldo, si il caldo di Bologna.
Ah Bologna!
Che bella Bologna, è una città che mi è sempre piaciuta dove mi trasferirei volentieri.
Bella Bologna ma forse è ancora più bella se ci ubriachiamo subito.
Sì.
Pranzetto nel ristorante fermo nel tempo.
"Vino?"
"Ma sono le 2 di pomeriggio....si ci porti un litro di rosso"
"Come mai qui a Bologna da Milano?"
"Stasera andiamo al concerto di Iron and Wine"
"Mmmm...Iron.....è metal? centrano gli Iron Maiden?
"Decisamente no."

Bella Bologna, bello camminare per la Montagnola accaldate e simpatiche, con la paura di pestare la coda a qualche simpatico pastore tedesco cieco, che poi poverino non l'ha chiesto lui di avere dei padroni che ci hanno un stile cattivissimo e borchiato, magari lui dentro si sente più un dolcissimo barboncino.
Bella la Montagnola, belle noi che non ci si regge in piedi e in giro la gente dice cose come:
"IO NON CREDO NELLE PAPERE"
Ok non è un problema non ti dannare.
Non ricordo altro che piedi, piedi, piedi, piedi e dolore, vero dolore.


Piedi, vino, piedi, caldo, la Torre degli Asinelli, vie e vie e vie e piedi.
Basta piedi arriva la sera e c'è un concerto da vivere.

"Maaaa lei che è taxista, la zona dove stiamo andando è davvero brutta?"
"Al Locomotiv?"
"Sì"
"Ehhh...sì ragazze, sì."
"Ottimo!"

....

"Sai lei è uno dei pochi bolognesi che abbiamo incontrato"
"Eheheh, essì siamo rari ormai!"
"Eee dovreste accoppiarvi di più tra di voi!"
....

Entriamo nel locale dalle mura rosse, piano piano si riempie, fa già caldo, la guardarobiera è davvero troppo figa e mi fa sentire a disagio, le bariste non sanno fare i cocktail, è la seconda volta che ci ritroviamo a bere il santo Graal dei cocktail fatti male, "Il Cocktail Morte"
Il" C.M" non è altro che uno Sbagliato fatto male, molto male.
Nelle rarità dei casi in cui ci siamo trovati davanti ad un "C.M" non siamo mai riusciti a capire se fosse stato aggiunto o tolto qualcosa.
La scorsa volta ho sfidato la sorte e dopo averlo bevuto tutto mi sono ritrovata a dire cazzate, aprire il cuore, piangere in un angolo e a chiedere a Bugo "Ma secondo te dove ho sbagliato? Bugo aiutami tu".
La cosa brutta è che Bugo c'era davvero, non era una visione post "C.M".
Il "C.M" ha dei riscontri positivi nel senso che ti risveglia dal torpore, ti apre la mente.
Fa male, lo so, ma ti risveglia.
Ma torniamo al concerto di Iron and Wine.
E' tempo del gruppo spalla e sale sul palco Tift Merrit, la tipica cantautrice americana, quelle con la grana della voce che ce la senti davvero, un personaggio paragonabile a Joni Mitchell.
Una di quelle che, con tutta probabilità, vive in una comune di hippy, beve robaccia biologica verde, si emoziona davanti agli alberi in autunno e dimostra una alquanto irritante serenità spirituale, una mistica pazienza e un divertimento sommesso nel cantare.
Già ti odio.
Tu sei li, sopra il palco, beata con la tua bella grana della voce a cantare robe come "Keep you happy", la gente sballonza da una parte all'altra, i più limonano, i più sorridono anche loro felici e sereni e io l'unica cosa che sento sono i miei piedi che pulsano e fanno "BOOM BOOM BOOM" manco fossero in una canzone a volumi massini dei Black Eyed Peas.
Boom Boom Booom.
Inizio ad impazzire, sto malissimo, indosso solo un misero maglioncino a maniche corte, non m'interessa devo andare a fumare, tutta questa serenità mi sta mettendo a disagio.
Ci sediamo fuori dal locale, piedi piedi piedi.
Inventiamo canzoni sui piedi, discutiamo di piedi, inventiamo teorie su cui i piedi abbiano deciso di ribellarsi dopo aver sentito frasi come "un lavoro fatto con i piedi".
E' pazzia.
Sentiamo il silenzio, siamo alla terza sigaretta di fila.
Boato.
Ok Sam è sul palco, dovremmo entrare lo so che dovremmo entrare.
Non ce la facciamo ancora.
Fanculo Sam, fanculo tu, fanculo il tuo pubblico, le vostre camicie e i vostri sorrisi sereni.
Fanculo.
Boom boom boom.
Rientriamo ci appoggiamo al muro, ok Sam ti sto ascoltando.
Ok Sam mi stai piacendo, sono una snob come gli altri e penso che questo album non sia il migliore, blablabla.
Ancora Sam non mi prende, sono arrabbiata perché non mi sento parte del concerto; una tipa mi zittisce e la guardo male, guardo male lei, il suo ragazzo, le sue scarpe, il suo mondo.
Esco fuori a fumare ancora, sì ancora.
Dei napoletani di fianco a me approfondiscono lamentele sul nuovo album, ma penso io.
Continuano un'accesa discussione su come il folk sia inflazionato, su come Sam indossava sempre camice a quadri, magliette logore e ora lo ritroviamo qui "con la camicina e la giacchetta".
Sorrido, mi fanno male i piedi ma sorrido, c'è sempre un fan che si sente tradito quando il suo idolo indossa una "giacchetta" e la cosa mi fa sempre sorridere.
Boom, boom boom, finisco le sigarette ed entro.
Sono in bagno, lo specchio è deformante, non sono davvero così, è lo specchio.
Che problema ha questo specchio, cazzo mi voglio specchiare e non mi vedo non capisco e la guardarobiera figa è sempre fuori ed è ancora figa e io mi voglio specchiare ma non posso.
Poi esco, il concerto di Iron and Wine si sta concludendo, lo sentiamo nell'aria, dopo due ore di concerto.
Ed ecco le due ultime canzoni...




Lo sapevo che mi fregava.
Stai dondolando anche tu, sei parte del concerto, i piedi fanno lo stesso malissimo ma ora ci sei anche tu.
Tu non lo stai ascoltando per bene e lui lo capisce, mette da parte tutti gli strumenti e ne usa solo uno, quello migliore, la sua voce.
E' banale ma vero.
Ecco Iron and Wine è questo, è uno che in un momento ti fa dimenticare tutto quello che di sbagliato hai fatto in una giornata.
(Poi è sceso dal palco il dolore ai piedi è tornato e sono successe altre bellissime tragedie a Bologna, bellissime)

domenica 6 febbraio 2011

Justin Bieber, ti avessi preso prima, Justin non tremareee.

Gli esami sono vicini e io mi ricordo quattro ragazze con i pennelli e un pessimo progetto sulla spalla....no scusate non siamo noi scusate
Eeeee maturità non ti avessi preso maiiiiiiihihihihih!
Mi mancano molto le superiori, tre anni di NABA mi fanno rimpiangere le suore con il crocifisso rosso sangue al collo.
Studiare Moda non è inutile ma ti fa sentire inutile perchè qualsiasi pirla si sente in dovere di prenderti ingiro tipo sta romana-marchiggiana-non lo so-cafonazza che mi rideva in faccia.
Intanto hai delle meches ENORMI e fossi in te io rimarrei a casa, poi il tuo ragazzo/amico non lo so mi sta mangiando con gli occhi quindi che cazzo ridi, poi ti abbiamo dato anche una cartina lunga e tu non hai invitato e quindi, ripeto, sei cafonissima, ed ultimo ma non meno importante:

"ahhhh moda con la finta Chanel"
"no carina, io da Bershka non ci vado, questa è una Moschino."

Il bello di essere un misto tra il nord e il sud è che posso permettermi di prendere in giro tutti i dialetti italiani.
Lo so care amiche è difficile perdere il vostro increscioso accento, non ti dico di perdere la cadenza, la cadenza è un segno distintivo, la cadenza ci sta,però non mi parlare in dialetto.
D'altra parte capisco anche che il ritratto della studentessa di moda è quello di una bella figa vestita tutta loggata, che mischia teschi e fiori a caso e dice cose come "ADOOOOOORO" "LOVE IT" "OH MY GOD!" "OGGI GIORNATA IN CENTRO CON LE AMICHETTE<3"
Passi la bella figa ma il resto è un'invenzione.
Oddio, invenzione forse no.


Ah la mantellina!

Per carità, studiare moda non è di certo studiare medicina o scienze politiche (HAHAHAHAHAHA)
Non dico che troveremo mai una cura per il cancro ma sai quanto rendi la vita più facile alle persone con l'invenzione di una nuova zip?
E il jeans dove lo mettiamo? i tessuti impermeabili?
Eh?
Eh?
E le cose belle, eh?
Non ho nessuna voglia di lavorare per gli esami perciò ecco a voi il post a casaccio:

1)Settimana prossima sarò al concerto di Iron and Wine al Locomotiv di Bologna, non ci sto più nella pelle sarà un week end stupefacente.


2)L' 11 Febbraio in Ammeriga uscirà l'attesissimo film di Justin Bieber "Never say never" che racconta la storia dell'enfant prodige della musica pop.
Peccato l'uscita a febbraio sennò sarebbe stato candidato di sicuro agli Oscar ma ci riproveremo l'anno prossimo.
Questo è il trailer


Anche David Letterman è un fan sfegatato di J.B e questa è l'esilarante " Top ten sul bello di essere Justin Bieber"


Godetevi anche l'ultimo minuto e mezzo dove suona la batteria, WOW.

3)Approposito di WOW, è uscito il nuovo album dei Verdena che si chiama WOW appunto.
Per ora mi limiterò a dire che "a mme me piasce".


4)Non ve ne avevo ancora parlato ma dovreste saperlo:


Esatto, Dowson ha deciso di diventare simpatico, si scusa con tutti per essere stato una palla al piede, un ragazzo fin troppo sensibile e vi vuole ripagare con questo BELLISSIMO SITO

5)Settimana scorsa ve l'ho detto e mo ve lo ripeto, da due settimane faccio parte del fantastico mondo d Vitaminic.
Ogni settimana scrivo nel bene e nel male dello stile delle superstar mondiali della musica.
Andate leggete e diffondete!
QUESTO è l'articolo di questa settimana ed è pieno di chicche fossi in voi lo leggerei!

6)Altre notizie dal mondo della musica.
Questa settimana si sono sciolti i White Stripes e gli LCD Soundsystem
Sono molto dispiaciuta per i secondi, i primi si rimetteranno sicuramente insieme in tempo per una nuova emozionante vincita dell'Italia ai mondiali di calcio.
Questa è la fantastica versione live degli Zero Assoluto, bellissima, perchè ascoltare l'originale quando esiste questa?

W LA MUSICA ITALIANA!

(mentre scrivevo tutto ciò mi si è asciugato l'acrilico, addio tavola di illustrazione, addio.)





giovedì 3 febbraio 2011

promemoria 16#

Siamo Donne/Gonne con una dignità:

"Allora dobbiamo discutere al meglio i dettagli per domani"
"Esatto allora io ho la solita visita in mattinata ma per le due sono fuori"
"Ottimo allora vengo anche io per quell'ora li"
"Ottimo ragazze ma parlando di cose serie...."
"Si...cosa portare dici?"
"Esatto...c'è.....a cena volete mangiare fuori solo noi tre o in compagnia? dove volete andare a ballare?!
"....ma Marta stavamo discutendo su cosa portare da studiare domani è una giornata di studio intenso"
"Marta io fino alle undici sarò a fare illustrazione"
"Si assolutamente, lo so... ma a cena cosa facciamo?"
"Vabbè vogliamo entrare nel tuo mondo, nella Milano per bene, quella con la cocaina nei bagni e le modelline e i ragazzi con il Porche regalato per i loro 18 anni"
"Mmm ma il venerdì non è così cool per il mio mondo"
"Ah no? ma dove abbiamo vissuto fino a ora!"
"Portati i tacchi eh "
"Marta, porterei i tacchi anche in montagna...ecco domani potrebbe essere la sera in cui decido di dare una seconda chance alla celestiale gonna di Dolce&Gabbana, una gonna del genere si merita di più"
"Si Elena è tempo di voltare pagina, dalle una chance"
"Quella Gonna ha alzato la posta in paio, ho rischiato ed è tempo di rischiare di nuovo....si oh dai basta! la gonna di Dolce&Gabbana non si merita di essere ancorata a brutti ricordi, la vedo nei suoi tre strati di taffettà che è una ragazzina che ha voglia di vivere, di divertirsi, di esplorare il mondo, ha ancora taaaaanto da donare!"
"Non tapparle le ali Elena, lasciala respirare!"
"Si si basta, ha il diritto di rifarsi una vita!"