giovedì 29 dicembre 2011

Lo sapevo: dovevo farmi regalare un ventilatore

Se, ciao buone feste anche a voi.



Dopo che Tina Knowles mise al mondo Beyoncè, la produzione di donne doveva fermarsi immediatamente.
Che senso ha considerarsi una donna quando tu con Lei non centri nulla?
Mi hanno raccontato di donne che, dopo un suo concerto, non hanno dormito nello stesso letto con il marito per settimane.
Settimane.
Con quale coraggio guardi negli occhi il tuo uomo dopo che avete assistito ad un concerto di Beyoncè?
Con quale coraggio potrai anche solo pensare di regalargli qualche siparietto sexy come preliminare?
E' impossibile.
L'avete mai fatto quell'accenno di spogliarello per il vostro uomo?
Io sì.
Nella mia testa doveva essere una cosa più vicina al famoso spogliarello della Loren con Mastroianni in Ieri, oggi e domani: quel misto di sensualità e divertimento, una cosa reale mica finta come quelli delle pubblicità dell'intimo. La Loren mica le fa le faccette, la Loren sorride.

Ce l'ho anche in camera il quadro della Loren che si leva la calza velata, sì: come santo protettore della mia femminilità.
Eppure.
Sembravo il fantasma simbolo dei Ghostbuster, la stessa faccia impaurita e quando finalmente ho preso in mano il controllo della situazione, quando mi sentivo proprio il potere scorrere nel corpo, lui in un momento di cannibalismo (come dargli torto) mi ha rotto le collant di Philippe Mantignon da 15 euro e per poco non scoppiavo a piangere.
Quindi per me niente "Abat Jour" di Henry Write come colonna sonora, l'unica abatjour a cui punto è quella da spegnere dopo aver visto questo ennesimo video di Beyoncè.
La spengo, sto al buio e in silenzio.
E' che io ci provo a far del mio meglio, ma mi manca sempre il ventilatore.
Senza il ventilatore, dove vuoi andare.

sabato 24 dicembre 2011

Natale con i tuoi, ma io volevo i buoi

Amici,
scusatemi se mi faccio sentire in maniera così sporadica, ma è un periodo stressante: insomma essere sempre informatissima su cosa fa Kim Kardashian per poterne parlare su Grazia.it e studiare la grammatica italiana per evitare di essere licenziata dopo il secondo mese, fare tutte queste cose mi prende un sacco di tempo!
Poi lavorare come onesta, ed elegantissima, tesseraia Arci al Tambourine di Seregno: ebbene sì sono uno dei volti noti dell'Arci milanese.
Immaginatemi fuori dal Tambourine, richiusa in una baita con la mia stufetta, lì dietro un vetro a chiedere alla gente "Ciao zya ci hai la tessera? Se non ce l'hai la devi fare, non si scampa."
Non è facile, la gente cerca sempre di rubarti i soldi o di volere lo sconto comitiva: no. ragazzi no, smettetela.
Per non parlare del fatto che quando escono ti senti dire robe come "Ancora qui stai?"
Si cretino, ancora qui sto.

Ma fare la tesseraia Arci è un po' come andare a lezione di recitazione, innanzitutto devo far credere che so tutto dell'Arci e dei concerti e delle prevendite e, già che ci sono, che so far ei cocktail.
Poi dalla mia postazione faccio cose molto divertenti tipo limarmi le unghie, rifarmi il trucco, una volta mi sono messa anche lo smalto. Mi sento molto carina, ma soprattutto credibile, dietro quel vetro.
E voi pensate che lavorando per l'Arci, quindi per un'associazione comunista-russa-marxista, io possa perdere la mia grande classe? Direi di no.
Stare dietro il vetro mi ha portato a studiare il mio make up e il mio vestiario per AMMALIARE la clientela.
Eccomi in due versioni impellicciate:

"Ragazzi fuori la tessera o vi sgrido"
Sopra nella prima versione con pelliccia di boh bianca, notate la classe.
Sotto una versione in pelliccia fake total black: notate come,dopo un paio di serate, ho capito come posare in favore della luce al neon.
L'annunciazione a lavoro
Quello che tengo in mano è il mio amico coniglio luminoso, che mi istiga profonda empatia.
L'avevano nascosto in un cassetto ma io ho deciso di tirarlo fuori perchè è troppo tenero e addolcisce la gente comunista che arriva.
Se qualcuno mi tratta in maniera sgarbata io guardo il coniglietto e lui mi sorride, mi scalda il cuore questo maledetto aggeggio.

A volte i clienti non apprezzano la mia classe e il mio senso dello stile, francamente non capisco perchè: mi sembra di portare un contributo sostanziale alla loro vita, boh.
So cosa state pensando: lavori per rimorchiare vero?
Amiche, silenziose giudici della mia vita, vi pare?
Ovviamente ho ricevuto moltissimi complimenti (specialmente quando do il resto giusto) ma una volta che vedono la mia brutta calligrafia sulle loro tessere, sperano solo di dimenticarmi.
Senza contare che continuo a chiedere la tessera solo ai musicisti o a quelli che vanno in sala prove
"Tessera?"
"s-sì....ma sono quello che suona stasera"
"Ah. Passa pure, vado ad impiccarmi."
            ...
"Ciao ragazzi tessera?"
"Ce l'hai controllata 30 secondi fa"
"Ah. Vabbè allora la smettete di passare?"
"Stiamo scaricando gli strumenti..."
"Ah. Bè vi serve 'na mano?"

In tutto questo, una ragazza come può trovare l'amore? Se faccio troppo la carina c'è sempre qualche fidanzata incazzata (giustamente) che mi guarda male.
Come glielo spieghi che la faccia da culo è per lavoro?
Non è che siamo tutte avide arpie in cerca della preda, io sono in cerca solo del mio stipendio.
Comunque non dispiacetevi per me, io mi diverto un sacco dalla mia postazione: parlare con la gente è come fare l'università seria che non ho mai fatto (state notando come non ho fatto alcun cenno alla tesi che devo consegnare tra meno di un mese e che ho appena iniziato? pazzesco).
Le persone sono tutte belle e divertenti: vedo coppie improbabili, ragazze che piangono, 35enni che si vergognano di scrivere l'anno di nascita, giovani di ritorno dall'estero che non si ricordano più la via della casa dove sono cresciuti e quelli che perdono la tessera ogni tre giorni.

E ora è Natale e spero che il Babbo mi porti i cinesi per cucire la mini collezione e dei registi di video che vogliano collaborare con me per la tesi.
Dai vi va? Dai mi aiutate?
Per ora Buon Natale bastardi e godetevi la mia colonna sonora di queste feste

Smokin' Christmas, così, per dire.

giovedì 8 dicembre 2011

I 10 motivi (più uno) che fanno di Maria Vergine una rockstar

Oh che bello.
Oggi è il giorno dove si festeggia l'Immacolata Vergine: la Signora Madonna.

In questi anni ho dato più importanza alla Madonna cantante, è la regina del pop e nulla si discute.
Forse però, tra un video e l'altro di Madonna ci siamo dimenticati che anche la Vergine Maria è una grande rockstar, un'icona più moderna di quello che si pensa normalmente.

Ecco a voi quindi i 10 motivi (più uno) che fanno di Maria Vergine è una rockstar:

1) Essere in una relazione senza fesserie
La Madonna stando con Dio si è evitata un sacco di magagne. Intanto la storia del corteggiamento a passi, che due palle!
La Madonna probabilmente non si è mai dovuta depilare per un appuntamento dicendosi "si sa mai"
Dio sarà anche un'entità ma si è dimostrato più uomo di molti di voi. Voglio lei e me la vado a prendere.

2) Rimanere incinta senza scopare
E' un po' la paura di tutte, dopo che si è finito di fare l'amore mentre lui probabilmente sonnecchia o si gratta come un'animale, nella testa delle ragazze risuona un solo pensiero -speriamo di non rimanere incinta-
In macchina, di ritorno dall'amato, guidi riavvolgendo mentalmente l'intera performance e l'unica cosa che pensi è - se quello stronzo mi ha messo incinta per quei 30 secondi di sù e giù, giuro mi ammazzo-
La Madonna è stata più furba: ha saltato tutta quella finzione dei -sì così ancora- -cavoli, sai che sei proprio bravo- -guarda, di solito non lo dico ma è stata la migliore della mia vita- ed è andata dritto al sodo legandosi per l'eternità con un marito assente, ma molto potente.

3) La Vergine Mantenuta
La Madonna è un genio, ti do un figlio e tu mi mantieni, forse un archetipo femminile antico ma ancora oggi molto funzionale.

4) Abbigliamento da gravidanza strategico
Sedicenne già icona di stile, ti butti un peplo addosso e la gravidanza non se la fila nessuno.
Icona anti paparazzi, geniale.

5) Anche le mamme single trovano l'amore
La Madonna, con un bambimo in grembo, non si è scoraggiata e ha trovato l'amore.
Certo, Giuseppe non sarà cool come Dyo ma ha un ottimo stipendio ed è tanto gentile.

6) Fare figli con gli amici
E' una regola fondamentale: non si fa un figlio con un uomo sexy che amate troppo ma con uno che vi starà sempre accanto no!

7) Camminare con i piedi gonfi e non lamentarsi
Solo le donne con grande senso del dovere possono farlo, quindi indossate i vostri tacchi e lasciatevi ispirare da lei.

8) Padronanza delle proprie pose
Avete mai visto un quadro o una statua dove la Madonna è venuta male? No.
Il segreto è lo sguardo femminile dolce e la testa inclinata

9) La Madonna loves bling bling
Che siano corone, collanazze, anelli la Madonna ama ricoprirsi di gioielli e questo la rende umana e potente.

eccola con una corono d'oro

10) Non parlate con tutti
Le ragazze che parlano con cani e porci non piacciono a nessuno, scegliete con cura i vostri interlocutori, creat eun po' di mistero.
Lei ha scelto dei pastorelli, voi magari puntate più in alto.
In più diversificate le vostre uscite: La Madonna non solo appare a delle feste privatissime tra le montagne bosniache, ma anche nei musei più cool di tutto il globo.

Infine, quanti di voi possono vantarsi di aver ispirato la cantate pop più famosa del mondo? Quante canzoni vi hanno dedicato a voi?
Nessuna, appunto.

Be virgin, be serious, be Maria Vergine!

mercoledì 7 dicembre 2011

IMMA LET YOU FINISH!

Due anni fa una bionda cantante pop si apprestava a vincere il più ambito tra i premi dei VMA cioè il Best Female Video.
Tale riconoscimento non solo consacra la tua canzone, ma anche la forza di questa, lo stile e soprattutto la personalità della cantante.
Sei la migliore delle donne zya e potrai tirartela per un anno davanti a tutte.
Quando Taylor Swift salì su quel palco, tutti si apsettavano le lacrime ma non questo:



Kanye West salì sul palco, rubò il microfono a Taylor e, senza peli sulla lingua, dichiarò che il video migliore era quello di Beyoncè, cioè questo:



E COME DARGLI TORTO, SCHERZIAMO? 
Single Ladies non è stato solo un video, ma un fenomeno socio-culturale: i body, il balletto con l'anca ballerina, la semplicità del video in bianco/nero e privo di ogni distrazione ambientale, tutto sottolinea la potenza del talento di B.
Non mi dilungo perchè tendo a diventare prolissa e viola in volto quando parlo di B.
Da allora, chiunque osi sfidare un discorso interrompendolo diventa Kanye West, così quando Federico de La Belle Epop mi ha chiesto "vieni ad interrompermi in diretta radio?" io ho risposto "certo certosino".
Così è nata la rubrica IMMA LET YOU FINISH dove Federico, paladino dell'indie sdolcinato e dei ciuffi tirabaci, viene interrotto dalla sottoscritta,  regina delle cialtronerie da ghetto.
Quindi seguite, seguite, seguite siempre il suo programma su Radio Citta del Capo e le sue chicche altolocate il venerdì sera e pregate dyo che non arrivi questa sigla perchè significa che sto per intervenire io.

Se vi siete persi il mio primo fantastico intervento, che passerà alla storia non solo per la mia voce nasale ma per aver passato Beyoncè in un programma di musica indie che più indie non si può, andate a scaricarvi il podcast su Vitaminic!

IMMA LET YOU FINISH, abbiamo insegnato ad amare l'hip-hop ai figli di Morrisey