giovedì 5 gennaio 2012

"Sono una donna, non sono una santa" cit.

Ma va, alle ragazze non piace il porno: ci piace solo essere tenute per mano, a noi ci basta questo.



Per carità, che non si venga a sapere che ci piacciono anche gli sculaccioni sul sedere.
Che bello che abbiamo ucciso le vecchie femministe vestite male mentre ora stiamo andando verso una libertà tutta nuova, fatta di film porno con degli attori leggermente più carini di un 50enne che mastica la cicca o di un nero con una cicatrice sull'occhio.
Certo, non vorrei mai che la lobby hollywoodiana mettesse le mani sul porno: potrei vomitare nel vedere un porno con Shia Labeouf o con Zac Efron.

Vorrei anche sottolineare che la mia educazione pornografica è nata con la visione del film erotico d'autore Senso '45 di Tinto Brass e con le musiche di Ennio Morricone.
Questo capolavoro cinematografico, con protagonisti Anna Galiena e Gabriel Garko, non è solo un grande film erotico, ma è anche un modo sano di studiare gli ultimi anni del fascismo e della Seconda Guerra Mondiale, periodo in cui è ambientata la storia.
E poi Gabriel Garko vestito da ufficiale delle SS sta da DYO.
                                                             cosa sono figo vestio da SS?


Ma forse la mia educazione erotica è nata prima, forse incosciamente, durante tutti quei pomeriggi davanti alla televisione.
Tutti quei pomeriggi a piangere per una bambina che aveva perso il suo papà (una roba del genere) e diventava la migliore amica di un animale (una roba del genere) il cui nome, nella fantastica traduzione italiana, era SPANK.
Da "Hello Spank" a pensare "Benvenuti sculaccioni!" a letto, be' il passo è corto.


Nessun commento:

Posta un commento