giovedì 7 giugno 2012

I 10 tipi +1 di ragazze più insopportabili di Facebook

Ieri pomeriggio, stavo guardando questo bellissimo video musicale pensando che, oltre al pezzone in se di cui non voglio dire nulla perché non c'è nulla da dire, anche il video è davvero una bomba. Guardandolo ho deriso i milioni che Lady Gaga ha dovuto sborsare nelle tasche di Nick Knight.
Non so come, ma alla fine mi sono trovata a deridere in maniera amara tutte quelle ragazze che hanno nel nome completo di Facebook Gaga o Del Rey, così. Non so se per il triste pensiero di loro che hanno una vita vera o il cattivo umore con cui mi sono svegliata stamattina, ho deciso di fare questa simpaticissima classifica dei...
10 tipi di ragazze più insopportabili di Facebook:

1) Partiamo proprio da loro, quelle con Gaga o Del Rey nel nome di Facebook. Io mi faccio forse chiamare Elena Beyo Mariani? Elena Missy Elliot Mariani? Elena Chaka Khan Mariani? No.
2) Quelle che postano i loro shooting fotografici casalinghi, di una semi professionalità degna di Rebecca Black, per poi aggiungere tutto in bell'album chiamato My dream, my job robe così. Come se la mutandina e il culo sodo fossero più una sorta di religione pagana, come se la connessione tra te e il mondo dipendesse esattamente dalle tue pose maliziosamente porche (verissimo tra l'altro) stemperate da quel sorriso che dice "Ma non faccio la sexy, sono simpatica!" 
3) Quella che posta le fotografie di cui parlavamo nel punto precedente e poi si lamenta del sesso maschile, della serie "sono aperta, apertissima, ma basta dirmelo in chat!". Se non sono gli status su tutti i maiali che le scrivono in chat, allora è uno status politico, che quello non si nega a nessuno come il limone. Generalmente questo: Tagliamo gli stipendi ai politici! Ladri!
4) Quella che scrive sempre e solo inglese, ma non lo conosce.
6) L'amica dei maschi: tutta porconi, mega LOL e visione esclusiva di serie tv tipo "The Walking Dead". Posta battutine amare sulle ragazze con i tacchi perché gli unici tacchi ammessi nel suo armadio, fatto in maniera confusa da capi dark e magliette American Apparel, sono quelli da spogliarellista.
C'è che swag.
7) Quelle che dopo un weekend a Londra pensano di essere diventate parte integrante della comunità di Albione. Sì, Albione non Albania. Ma ci sei andata a Londra o no? Fammi indovinare come si chiama il tuo album fotografico, LONDON CALLING?
8) La citazionista dei morti, apre un libro a caso e c'è sempre la frase che le risolve la giornata. Palahniuk, poi c'è sta Nietzsche, un po de Vasco Rossi, che ce lo buttamo dentro qualche frase dei testi dei Subbbbbsonica? Hai un dubbio? Parlane con l'oracolo Jim Morrison.
9) La bisognosa patetica in continua ricerca dell'affetto perduto dei genitori, amici che l'hanno delusa, ex fidanzato che finalmente è riuscito a scappare dallo scantinato. La si riconosce principalmente per l'alto numero di amicizie proporzionale al bassissimo numero di post in bacheca. Le piace scrivere che sta pensando al suicidio, che è gialla in faccia non perché mangia di merda ma perché ha una malattia incurabile, le piace ricordare i momenti in cui qualcuno la teneva per mano ma soprattutto le piace ricordare che tu l'hai delusa. Tipa festosa e civettuola, va ancora ai party chiedendosi "Mi si nota di più se sto appoggiata al muro o se non vengo?
Nobody cares Sean, nobody cares...
10) La creativa, che sia una fotografa, una dj non importa. A lei tutto è concesso perché lei crea, fa, dice e pensa solo cose belle. Ha un animo sensibile e il poco tempo che passa su Facebook lo usa per spammarti i suoi inviti, farti vedere i suoi flayer, commentare le notizie dei diversi portali e farti notare quanto lavora. La cosa triste è che lavora davvero moltissimo.Dice sempre che la bellezza non l'ha mai aiutata, anzi signora mia.

Menzione speciale anche per quelle che si credono delle perfette sista di quartiere, che basta sapere che Tupac portava la bandana ed è fatta.
Tipo me.

Ops.

6 commenti:

  1. ma io sono tipo ognuna di queste. e pure un po' rebecca black "papi c'ha i soldi e m'ha pagato il disco e pure il marketing". :D

    dai Elena, è quasi venerdì. ce la si può fare!

    RispondiElimina
  2. Lollissimo. Ma soprattutto verissimo.
    "Cioè - faccia alla d'Urso conturbante - lei mi sta dicendo che facebook è diventato un luogo di perdizione dove sai come ci entri ma non sai che trasformazione ti si appiccica addosso?"
    Come mi sento un Pokemon.

    RispondiElimina
  3. Di album col nome "London Calling" ne ho visti a bizzeffe quando avevo Facebook. E poi sempre le solite foto di merda!
    Le peggiori sono le finte creative e finte acculturate (perlopiù fotografe) che condivano i loro pessimi album fotografici con pezzi a caso dei Verdena o dei Marlene Kuntz o di qualsiasi gruppo rock italiano per far vedere quanto ne sanno di musica!

    RispondiElimina
  4. p.s. "Parlane con l'oracolo Jim Morrison" AHAHAHAHAH

    RispondiElimina
  5. Come sempre: parole sante.

    Ma la tipa sempre (finta) sbronza che ogni giorno parla delle sue serate "devasto" e che nel weekend sa scrivere solo la parola "hangover" non rientra nelle tue amicizie di facebook?

    RispondiElimina
  6. ce ne sarebbero un'inifinità, così tante che alla fine ci siamo dentro tutte.
    io mi sono accorta di avere una malattia per le battute che non fanno ridere e ho davvero paura del'uso che faccio di Instagram.
    Ma costa molto meno di una reflex quinti, tant'è.

    Ma queste sono davvero le peggiori.
    anche se manca la tipa delle PETIZIONI IMPOSSIBILI

    RispondiElimina