domenica 27 gennaio 2013

IMMA LET YOU FINISH: Justin Timberlake

Eccoci ad una nuova puntata di Imma Let You finish, la mia intrusione groove nel thermos del lunedì di Radio Città del Capo che prende il nome de La Belle Epop.
Questa settimana, tra uno scambio di chitarrine di gruppi di cui non ho mai sentito nominare e il nuovo dei Yo La Tengo, ho avuto l'onore di esporre ai fan dell'indie-pop il nuovo singolo di Justin Timberlake! Sì, dopo sei anni di lontananza dalla sua voce leggera e dalle sue produzioni sofisticate, Justin Timberlake torna con l'album «The 20/20 Experience», e questa è «Suit&Tie».

Eh insomma, ci passerei l'intera giornata a guardare Justin Timberlake che si prepara, tutto preciso tutto pettinato. Come fa lui il nodo alla cravatta by Tom Ford, nessuno mai.

lunedì 14 gennaio 2013

Who run the world? GIRLS!

The 70th Annual Golden Globes, giusto un paio di donne poco brillanti, poco interessanti, insomma non lasciatevi ispirare...

Tina Fey e Amy Poehler soulmate

Lena Dunham: "This award is for every woman who felt like there wasn't a space for her. This show has made a space for me!" Piango tantissimo.

Lena Dunham non ci basti mai

Jennifer Lawrence super simpatica

#teamgirls 

lunedì 7 gennaio 2013

Sara Tommasi aka M.I.A

Per chi ancora non lo sapesse, Sara Tommasi si è data al rap. Non so neanche se reppa perché -che Dio mi perdoni- non ho avuto la forza di vedere tutto il video. D'altronde, la gente esperta del genere come me non ne ha bisogno.
Sara Tommasi e il talentuoso Flycat (da non confondere con l'ancora più talentuoso Fritz Da Cat, figura storica del rap italiano di fine anni '90 ) hanno concepito un pezzo rap che pecca di tecnicismo esasperato, ma mi spiego meglio: la bassa logica del video rap è figa, testo impegnato e un flow pazzesco. Mi sembra chiaro che hanno preso tutto il meglio. Come già scrissi per le modelle di Victoria's Secret, è una verità tristemente nota quella che recita le gnocche non sanno ballare e Sara Tommasi non smentisce. Un legno, non becca un movimento che sia uno. E no, non mi abbasserò a commentare il look da strappona di mercato, però che venga messo agli atti che la Tommasi balla come tromba.
Passiamo al testo impegnato, innanzitutto il titolo »Cacciamo insieme i mercanti dal tempio» non funziona! È difficile da dire, va bene le liriche impegnate ma impegnarsi per dire un titolo no. Parafrasando i più astuti Neri per Caso -Ci si può impegnare da morire, ma morire d'impegno no- Prosegue con "Noi vogliamo stare bene in giro, noi vogliamo il lavoro", vero è che Luigi Marra avrebbe anche potuto dargli una mano, una carezza, giusto una rilettura del testo. Dove sei Luigi, dove ti nascondi? Perché non accogli il figliol tuo prodigo? Be' il flow è spettacolare e non posso permettermi di argomentare.
Ora, sono due le cose certe di questa giornata:
1) Sara Tommasi è un genio del marketing virale e non è un caso che questo capolavoro esca il lunedì di ritorno dalle vacanze natalizie, nelle ore più calde della mattinata. Una grande e vera bocconiana, qualsiasi cosa faccia o dica in pochi secondi fa il giro della rete.
2) Sara Tommasi è la sorella gemella di M.I.A, sono uguali, l'unica differenza è che il team di M.I.A spacca mentre quello di Sara proprio no.





venerdì 4 gennaio 2013

Last Friday Night

La grande truffa del venerdì sera.


Katy Perry, ci hai mentito: hai mentito a me, alle mie amiche, a chi sogna Darren Criss nella propia cameretta rosa, ma soprattutto a Rebecca Black.