mercoledì 24 aprile 2013

I Playoff del mio cuore

Io lo giuro: mediamente il mio uomo ideale deve aver scritto in faccia "BISTECCA", deve avere quel portamento sano di quello che va all'Autogrill e si mangia Rustichelle alla plastica come se non ci fosse un domani. Vado fuori se beve la birra calda, ma non perché gli piaccia così: perché non rinuncerebbe mai a una birra. Io so che tipo di uomo mi piace: c'è per dire, ieri in tram in Porta Romana ho beccato Vincenzo Da Via Anfossi e ammetto che jo fatto un pensierino. Non giudicatemi. Se Vincenzo Da via Anfossi ascoltasse anche Justin Timberlake allora sarebbe davvero LUI. Tutto questo per dire che non so cosa mi prende, la devo smettere di dedicare post e intere ore della mia vita a Justin Bieber.

Justin che torna al taglio Elle Degeneres
Justin che esce dal cubo e diventa un ologramma
Justin che esce dal cubo che sembra la lampada anti buio per far addomertare i bambini, di solito escono i pesciolini 'sta volta Justin.
Justin che fa i balletti dell'oratorio
Justin che fa "AND OOOOOOH I'M ALIVE I'M ALIVE I'M ALIVE"
Justin che cita i Daft Punk "AND I'M LOVING EVERY SECOND MINUTE HOUR BIGGER BETTER STRONGER POWER"

Poi, per fortuna in pausa pranzo in agenzia ci spariamo il commercial dei NBA Playoff, rivedo le fattezze di James Harden dei Rockets -detto anche Il Barba- e ricordo da dove vengo ma soprattutto dove sto andando.

James, vuoi uscire con me?
Mi pare di sì.

Un sincero abbraccio ai miei colleghi che dimostrano sempre grande eleganza nel far finta di ignorare commenti tipo "OOOO- AAAAA- STOMALE- AH!- DIO!"

domenica 21 aprile 2013

Quando a crescerti è Pharrell Williams

Dov'eri quando i Daft Punk hanno rilasciato «Get Lucky»?
Dov'eri quando i tuoi nemici hanno iniziato a sbandierare il loro credo nel valore artistico di Pharrell Williams e a scriversi appunti su TextEdit tizio con treccine nel video dei Daft Punk = Nile Rodgers? In una settimana dove anche i Phoenix si sono inchinati davanti alla magnificenza di R.Kelly, diventandone la band di supporto al Coachella (guarda qui), anche la collaborazione tra i robot francesi e due generazioni di maestri del suono come Pharrell e Nile, non ha fatto altro che ridarmi speranza nell'amore e nei pomeriggi persi dietro la R&B Chart. Festeggio con Pharrell, che in 11 minuti del primo live del singolo dei Daft Punk ci da la ricetta per quello che sarà il perfetto modo di ascoltare «Random Access Memories», in loop.
Proprio al produttore forever young voglio dedicare questo momento di ritrovata fiducia nella palla scintillante del dancefloor. Pharrell, mi hai preso dodicenne, mi hai trasformata in una donna con la tua personale cura Ludovico riassumibile in questo riflesso condizionato: parte «Funkin' for Jamaica» e sento il dovere di figliare. Ecco come si cresce sotto l'influenza di Pharrell Williams

Hot in Herre
A 12 anni inizi a capire che Neptunes firmano le cose che ti piacciano e che hai un problema con le seguenti cose: omaccioni neri, sudore, voglia di essere una donna oggetto, bikini.
Boys
Quando Pharrell mi ha fornito la prima scusa per ascoltare Britney Spears.
Work it Out
L'abito d'oro di Beyoncè e i Neptunes che pagano pegno al funk di metà anni '60. Basta e avanza.
Excuse me Miss
Sai quando gli amici ti presentato l'uomo della tua vita? È andata così.
Change Clothes
Impari l'eleganza, sogni di essere una modella a cui Pharrell tende la mano o a cui Mos Def lascia il numero. Sogni di essere Naomi Campbell, piangi e ti dai pugni sulla cellulite.
Senorita
IL CAPOLAVORO! Il raggiungimento del nirvana audiovisivo! Quando Pharrell ha deciso di mettere le mani sull'album di debutto di Justin Timberlake, ha consapevolmente scritto la storia: quella di un ragazzo del Tennessee liberato dai fili di «Bye Bye Bye» e pronto a diventare quello che io descrivo così: quando con le mani sudate inizi a tirarti la pelle del viso.
Frontin
A casa di Pharrell ci si diverte sempre un sacco, ancora meglio quando c'è Jay-Z.
Beautiful
I bikini di questo video mi hanno rovinato la vita, ma l'unione tra il fluttuante falsetto di Pharrell e la voce serrata di Snoop Dogg mi hanno fatto credere a qualsiasi cosa, anche alla frase "You're my favorite girl"

Hollaback Girl
Il pezzo delle ragazze bianche spacchiuse, avevamo bisogno di un'eroina pop e con «Love.Angel. Music. Baby» l'abbiamo ritrovata in Gwen Stefani. Poi ha iniziato a duettare con Akon e ha sbagliato tutto.
Say Something
Il pezzo non mi fa impazzire, ma racconta molto bene di quell'epoca d'oro, quando Louis Vuitton era tutto per i nuovi ricchi, quando il monogramma era la firma del successo, Pharrell porta Mariah Carey a fare shopping sfrenato per le vie di Parigi. Ma andiamo in albergo Pharrell che ti faccio suonare tutte le batterie del mio cuore.
Number One
Chiudiamo con un pezzo recuperato da «In my Mind», l'album del debutto solista di Pharrell del 2006.
Perché stare solo nei credits quando hai questa classe? Date una polo a Pharrell, un maglioncino da colleggiale a Kanye, un paio di modelle di Victoria's Secret e conquisteranno il mondo. Ah, già.

martedì 16 aprile 2013

È Anne Frank la più grande fan di Justin Bieber?

Justin Bieber tra un concerto e l'altro ha pensato bene di fare un giro ad Amsterdam. Nessuno ha citato coffee shop o altro, il bravo ragazzo bianco americano è andato a visitare la Anne Frank House. Un'esperienza molto forte per l'idolo delle folle, che ha commentato così:
"Truly inspiring to be able to come here. Anne was a great girl. Hopefully she would have been a belieber."

Sì. Secondo Justin Bieber, Anne Frank sarebbe stata di sicuro una belieber sfegatata.
(Se non sai cos'è una belieber esci dal blog ora)
Il commento ha creato un putiferio: "ma come osi?" "ma chi si crede di essere" "non sei bravo perché vendi troppo" etc etc... Su questo blog ci si schiera sempre dalla parte della verità, ma soprattutto dalla parte di un ragazzo che tra battute e video abbiamo volontariamente cresciuto come un cugino minore un po' scemo. Justin ti amo e tutto quello che dici è vero, lo dimostrano i seguenti documenti top secret!1!11!

Teen Idol
Anne Frank raggiunse l'apice del successo in giovanissima età, a 13 anni. È quindi giusto pensare che guardando Bieber avrebbe rivisto non solo il suo successo ma anche quella parte di infanzia rubata. Si sa che le star adolescenti diventano tutti amici ed escono solo con altre star adolescenti.

Persecuzioni
Che siano i nazisti o i paparazzi (a volte pare non ci sia differenza) essere continuamente perseguitati non è un buon affare. Te lo dico una volta con un tweet, te lo dico due, alla terza ti banno.

Never say never
Tutti e due ci hanno creduto sempre un sacco, uno dei due troppo.

Haters gonna hate
Justin e Anne insegnano ai giovani a non cedere alle malelingue, al razzismo (Justin è canadese) e ai soprusi da parte di adulti invidiosi. Ragazzi non mollate!

Condividere le emozioni con i fan
Justin Bieber conta 37.625.411 milioni di fan su Twitter dove non perde occasione di mostrare addominali, tatuaggi e sedere. La povera Anne alla fine non ha fatto nulla di diverso: all'inizio era un blog segreto, sì, ma sapevamo che in poco tempo avrebbe sbloccato il box per i commenti. 

L'esordio sfavillante
Solitamente, l'opera prima è un tentativo di muovere passi all'interno del mondo dello spettacolo. C'è chi si accontenta di una comparsata, di un TRL Awards o di un provino ad Amici. NON LORO DUE! Justin e Anne hanno sbancato il botteghino fin dal primo disco/libro. Anne si è bruciata il tour di reading nelle varie librerie di sinistra, ma fidati sono sempre una palla immensa.

Pa-pa-panico e paura
Non sottovalutiamo il fattore paura, anche Justin ha vissuto attimi di terrore durante gli scherzi di Punk'd su MTV. La rissa è finta, ma qualcuno poteva rimanerci offeso!

Love Story
Justin e Selena, così belli, così felici di crescere insieme sotto gli occhi del mondo intero, eppure così timidi. Anne e quell'innocente amore per Peter Nan Pels, il primo bacio della sua vita. Due giovani coppie divise troppo presto! #TeamSelena per sempre!11!!!



giovedì 11 aprile 2013

Ryan Gosling non ci abbandonare!

Hey girls, arriva il momento in cui una donna deve mettere da parte i divertimenti e concentrarsi sulle inchieste giornalistiche vere, quelle che fanno paura, quelle che magari ci faranno soffrire...

RYAN GOSLING ANNUNCIA UNA PAUSA DAL SET: CINQUE PASSI PER SOPRAVVIVERE FINO AL SUO RITORNO